Buone notizie per i disabili che restano privi del sostegno familiare

Il “DOPO DI NOI” si fa realtà

Come fare quando una persona gravemente disabile resta priva del sostegno familiare?

Quali soluzioni adottare con la persona disabile quando muoiono entrambi i genitori o quando questi, molto anziani o malati, non sono più in grado di assisterla?

La questione è di estrema importanza e perché consente alle famiglie che hanno congiunti che dipendono totalmente dalle loro cure, di essere più serene nel sapere che ci sarà qualcuno che prenderà il loro posto anche quando non ci saranno più.

E’ stato finalmente approvato il riparto delle risorse tra le Regioni del cosiddetto Fondo del “Dopo di noi”, previsto dalla Legge 112 approvata nel giugno scorso.

All’Emilia-Romagna vengono destinati 6,5 milioni di euro.

Ora è possibile rendere operativa la legge 112 che molte persone con gravi e gravissime disabilità e le loro famiglie attendevano da anni – ha commentato Sergio Venturi, assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia Romagna. E’ già partito il lavoro per completare l’iter previsto dalla legge perché questi fondi possano essere nella disponibilità delle famiglie a partire dai primi mesi del 2017.

Le risorse saranno destinate ad attivare e potenziare programmi di intervento che prevedono l’accoglienza in abitazioni o gruppi-appartamento, in modo da riprodurre0 le condizioni abitative e le relazioni della casa familiare, oppure la permanenza temporanea fuori dalla famiglia in particolari situazioni di emergenza.

Per usufruire del sostegno sarà necessaria una valutazione complessiva effettuata dalle équipe già funzionanti per l’accesso alle prestazioni del Fondo regionale per la non autosufficienza, che accerterà gli effettivi bisogni e formulerà proposte di progetti personalizzati.

Per maggiori informazioni clicca qui.