Nel periodo della pandemia l’Arcobaleno è stato il simbolo della speranza, della lotta. Nell’immaginario è anche un portale verso altri mondi e altre visioni.

Oggi siamo costretti a immaginare nuove attività e nuove modalità per aiutare le persone disabili a rimanere una risorsa per la comunità.

Il progetto Arcobaleno è un insieme di attività pensate per tutte le persone fragili di CavaRei che, non potendo frequentare i luoghi dove abitualmente lavoravano insieme ad amici e operatori, sono costretti a restare a casa. E perché allora non pensare ad uno smart working anche per loro?

Come il periodo ci impone, le attività saranno caratterizzate dall’utilizzo della tecnologia. Per questo aspetto CavaRei coinvolgerà Gencom, l’azienda di telecomunicazioni il cui CEO, Davide Fiumi, è socio sovventore della cooperativa, che saprà dare consigli e informazioni utili agli operatori rispetto alle piattaforme più funzionali per l’operatività.

Per CavaRei il legame con il territorio è elemento fondante. Nel progetto Arcobaleno, iniziato nel periodo di totale lockdown e implementato per il periodo post-pandemico, è racchiuso anche questo legame. Gli amici che da anni sostengono a vario titolo le attività di CavaRei, saranno coinvolti per rendere ancora più efficace il lavoro degli operatori e mantenere vivo quel senso di inclusione che CavaRei ha sempre voluto per le proprie persone fragili. In particolare, le aziende saranno chiamate a sostenere le proposte operative; i volontari e i volti noti per i ragazzi saranno invitati ad animare le videochiamate.

Per la realizzazione del progetto, saranno attivate tutte le competenze interne di CavaRei: gli operatori per il contenuto educativo, la grafica per la realizzazione dei kit e il supporto alla comunicazione per dare visibilità a chi collabora con noi e alle attività dei ragazzi insieme alle loro famiglie. La produzione di materiale fotografico e video sarà parte integrante del Progetto Arcobaleno, perché oltre ad essere strumento documentale, possa essere a disposizione per ulteriori idee da realizzare insieme.

Fondamentale sarà inoltre poter misurare l’impatto del Progetto Arcobaleno sulla riorganizzazione futura dei servizi, sulle famiglie che saranno chiamate a partecipare alle attività da casa insieme al proprio familiare disabile, sulle stesse persone fragili e sugli operatori di CavaRei che stanno già sperimentando un nuovo pensiero rispetto alla loro professionalità.

Scopriamo nel dettaglio le proposte, espressione di ciascun colore dell’arcobaleno.

ROSSO: Ti consegno un KIT

Il progetto consiste nella consegna di un kit di attività presso le abitazioni delle persone fragili inserite nei centri diurni attualmente chiusi.

I kit sono composti da materiali e strumenti utili a realizzare attività, corredati da relative istruzioni, consegnati nella giornata del venerdì con l’obiettivo di tenere impegnate le persone nell’arco della settimana, attivando qualche autonomia.

Il materiale sarà fornito dalle aziende amiche di CavaRei, sarà confezionato e supportato da istruzioni elaborate dagli operatori e rese in grafica dedicata, realizzata da StampaRei. Il Kit sarà quindi consegnato da un operatore presso il domicilio degli utente. Chiunque può contribuire con idee e materiale.

Nelle istruzioni sarà data anche indicazione alle famiglie di raccogliere materiale fotografico e video che servirà quale documentazione del progetto e potrà essere utilizzato per una composizione artistica finale. Per le famiglie dotate di minori strumenti tecnologici, sarà cura degli operatori provvedere alla documentazione foto/video.

Gli operatori avranno il compito anche di seguire telefonicamente l’andamento dell’attività settimanale.

Venerdì 8 maggio siamo partiti con il Kit ArteGioco con il materiale offerto da Crayola: set di colori, disegni da colorare, album, giochi, lettura, costruzione giochi. Venerdì 15 maggio sarà la volta del Kit Creativo con il supporto del CavaRei Lab e del CavaRei Shop: una tavoletta di legno piena di buchi è l’ideale per utilizzare ago e fili colorati creando un filo-disegno tutto personale. Si andrà avanti con il Kit Giardinaggio, Mani in Pasta e Cucito del riuso.

ARANCIONE: Ti contatto a Distanza

Il progetto attiva i contatti a distanza e aiuta le persone fragili nella gestione delle giornate, stimolando il dialogo e l’impegno in compiti dati e proponendo di creare appuntamenti da concordare e rispettare. Si vuole supportare inoltre la creazione di gruppi che si incontrino virtualmente in autonomia tramite WhatsApp, Email, telefono o altri strumenti di videochiamata (per es. Skype, Webex, Facebook, Instagram, Zoom, ecc).

Anche gli operatori saranno parte integrante del progetto perché grazie a loro potrà essere mantenuta la cura della relazione con le famiglie, che si è creata e consolidata nel tempo.

Per le famiglie che non dispongono di mezzi tecnologici adeguati CavaRei si sta attivando nella ricerca degli strumenti più adeguati. Attualmente sono contattate con una telefonata classica.

INDACO: Ti contatto a distanza e facciamo attività insieme

La tecnologia è sempre la protagonista per creare appuntamenti con attività definite.

Per questa attività saranno coinvolti anche i volontari dell’Associazione Sintonia e i volti amici di CavaRei, programmando il collegamento settimanale con un ospite a sorpresa che proporrà in videoconferenza un’attività di intrattenimento. Saranno coinvolti Gilberto Tosoni con il suo yoga della risata e i FLYSUIT per più appuntamenti. Avremo la mattina con un altro Gilberto che farà lezioni di dialetto romagnolo e tanti altri ospiti che stiamo contattando.

Gli operatori sono impegnati anche nella realizzazione di strumenti visivi (video) utili per imparare, stimolare, intrattenere e divertire: video su musica, danza, ginnastica, divertimento o proposte da consultare a casa. Ogni ragazzo coinvolto riceverà un video da guardare creato ad hoc per la persona o realizzato in maniera generica per interessi e passioni (musica, danza, ginnastica). I video vengono creati anche grazie all’aiuto di alcuni utenti, che ne sono protagonisti.

GIALLO: Ti aiuto a casa

Il progetto prevede interventi domiciliari a supporto delle persone fragili di CavaRei che più di altri subiscono in modo più forte il distanziamento. Gli operatori, in totale sicurezza per loro e per la famiglia, con i dispositivi di protezione individuale necessari e obbligatori, si impegnano in azioni mirate alle autonomie e alla comunicazione.

Sono inoltre valorizzate le competenze e gli interessi dei singoli e vengono curati gli aspetti assistenziali o riabilitativi.

I colori BLU e VERDE li abbiamo tenuti per il futuro, per sognare nuove attività e nuovi contesti.