CavaRei Impresa Sociale. Valori, Spazi, Persone.

WEL.CO.ME
Progetto di riqualificazione del Palazzo del Podestà

WEL.CO.ME. è il progetto promosso dal Comune di Meldola e da CavaRei Impresa Sociale con il supporto e i contributi della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, oltre alle erogazioni liberali che saranno raccolte con lo strumento dell’Art Bonus.

Il Progetto

WEL.CO.ME. ambisce alla costruzione partecipata di un processo di rigenerazione urbana del Rione Rocca, borgo medievale posto al di sotto della Rocca di Meldola (FC) attraverso il restauro dell’antico Palazzo del Podestà per creare uno spazio di socialità che ospiti servizi per la collettività e che si apra e dialoghi con la comunità che lo abita e le organizzazioni del territorio che lo vivono.  L’edificio ha l’ambizione di divenire uno spazio multifunzionale e, coniugando la presenza del Laboratorio Socio-Occupazionale per persone con fragilità di CavaRei, sarà anche aperto alla collettività per micro-servizi di welfare locale, risultato della co-progettazione in cui verrà convolta tutta la comunità. 

A CHE PUNTO SIAMO COL PERCORSO?

Scarica il manifesto narrativo del progetto in cui puoi trovare quanto emerso ad oggi e quali saranno le prossim azioni in programma

guarda il video di presentazione

La serata di presentazione

Teatro Dragoni di Meldola (FC) – 26 Febbraio 2024

Previous slide
Next slide

Vuoi saperne di più?

Contattaci per ricevere
maggiori informazioni

CavaRei e l’art. 22

L’art. 22 della Legge Regionale n.17 del 1 agosto 2005, prevede la possibilità per le aziende in obbligo di assunzione del disabile (ovvero le aziende che hanno da 15 a 35 dipendenti e oltre) di assolvere all’obbligo anche attraverso programmi di inserimento individuali, da effettuarsi presso le cooperative sociali o le imprese sociali come CavaRei.

L’azienda in obbligo di assunzione può decidere di avvalersi dell’«Accordo Quadro Regionale» e di appoggiarsi alla cooperativa, destinandole una commessa lavorativa in cambio della quale, la cooperativa stessa, si fa direttamente carico dell’assunzione della persona disabile.

I vantaggi per l’azienda:

  • Assolvimento dell’obbligo senza doversi far direttamente carico dell’assunzione e della cura da dedicare alla persona invalida/disabile inserita.
  • L’azienda riceve in cambio del «costo» stipulato nella convenzione, un prodotto/servizio a supporto della sua attività, concordato a monte con la cooperativa e utile all’azienda.
  • Consapevolezza di aver assolto al proprio obbligo, garantendo alla persona disabile una collocazione giusta e adeguata alle proprie capacità, in un ambiente strutturato per la gestione di questo tipo di percorso.
  • La possibilità di rendicontare l’impatto che l’attivazione della convenzione Art. 22 ha sul territorio.

Per approfondire tutte le modalità con cui un’azienda può collaborare e sostenere CavaRei, compila il form che trovi in questa pagina.